Gli scettici di Wikipedia

by: GraZia lunedì, settembre 13th, 2010
Da Repubblica on line

Da Repubblica on line

Ho già avuto modo di raccontare le mie peripezie con Wikipedia nel tentativo di correggere alcuni dei numerosi errori relativi alle date di nascita: correzioni spesso brutalmente annullate perché il certificato di nascita non è *una fonte attendibile* in quanto non verificabile. La cosa mi era suonata strana: e perché un certificato di nascita non dovrebbe essere verificabile? Dopo tutto, basta andare o scrivere all’anagrafe e farselo rilasciare come faccio io da 35 anni a questa parte (e proprio per questa attività sono l’unica astrologa citata sul Who’ who in Italy http://www.whoswho.eu/w_italy.php?lan=ita). Dopo uno scambio di messaggi con un giovane utente, credo di aver capito.
Per questi ragazzi cresciuti a pane, nutella e mouse, è *verificabile* ciò che si trova in Rete. Naturalmente non gli viene in mente che qualcuno, un essere umano, deve aver messo in rete l’informazione e che può anche essersela inventata o aver sbagliato. Insomma, un certificato di nascita di carta, come quelli che ho io in mano, non è reale finché non finisce in rete e diventa quindi virtuale. Siamo dunque al paradosso per cui il reale è virtuale e il virtuale è reale. Interessante paradosso, in effetti, che ci dice molto su alcuni aspetti peculiari delle nuove generazioni.
La cosa curiosa è che alcune mie correzioni sono state accettate senza fare una piega, mentre altre hanno scatenato reazioni parossistiche, come quelle per Gianna Nannini di cui ho pubblicato qui l’estratto di nascita qualche post fa.
La cantante senese è nata nel 1954, ma nel suo sito ufficiale c’è scritto 1956: ne consegue che il certificato di nascita è altamente sospetto (alla fine però si sono rassegnati, sembra).

Qualcuno ha insinuato che si possa trattare di un’omonimia, come se fosse probabile che un’altra Gianna Nannini sia nata il 14 di giugno, ma di un altro anno. Oddio, tutto può essere, ma è molto più probabile che sia sbagliato l’anno del sito ufficiale, no? Tra l’altro gli impiegati delle anagrafi, quando richiedo gli estratti, trattandosi di personaggi noti, sanno benissimo a chi mi riferisco e sono loro stessi a correggere le date. Chi lavora nello spettacolo spesso bara sulla propria data di nascita, si toglie di anni, insomma, ma non tanto per vanità quanto per non perdere opportunità di lavoro. Curiosamente ho trovato soltanto due errori *al contrario*: Rosanna Fratello, per cui era indicato il 1950 mentre è nata nel 1951, e Virna Lisi, indicata con il 1936 mentre è nata nel 1937. Ovviamente per il lettore qualsiasi un anno in più o in meno non fa alcuna differenza, ma per noi studiosi di astrologia la differenza è abissale!
E così, per esempio, nessuno ha avuto da dire quando ho corretto la data di nascita di Andrea Mirò (1967) o quella di Fiordaliso (1954) o quella di Christian (1943). All’epoca scovare l’estratto di nascita di Christian mi costò tempo e pazienza perché il cantante di anni se ne toglieva dieci! Il che, mi sembra, ha anche un senso – voglio dire, se uno si vuole togliere degli anni tanto vale togliersene un bel po’, no?

Da Images

Da Images

Altro caso controverso è stato quello di Viola Valentino, nata nel 1949: l’anno alla fine è stato accettato perché lo testimonia… TV Sorrisi e Canzoni! Tra l’altro, i ragazzi di Wiki insistono tanto sull’enciclopedicità delle voci, cioè la rilevanza in relazione all’argomento. Ho fatto notare, proprio a proposito di Viola Valentino, che sottolineare le reiterate corna che il marito le fece non mi sembra propriamente rilevante (e nemmeno di buon gusto), ma sapete com’è, dev’essere il gap generazionale…
Al contrario invece non c’è verso di far correggere l’anno di nascita di Mara Venier (1950) o di Ivana Spagna (1954) o di Donatella Rettore (1953). E anche di molti altri, temo, che probabilmente resteranno sbagliati. Vigilate, gente, vigilate!

[ad#BANNER ORIZZONTALE]

« | Home | »

18 Responses to “Gli scettici di Wikipedia”

DoppioM - da Wikipedia Said:

1) “è verificabile ciò che si trova in Rete.”
Perdonami, ma allora non hai capito nulla. Verificabile è ciò che qualunque lettore può controllare attraverso una ricerca in rete, in biblioteca, in un’emeroteca… Verifcabile NON è ciò che il lettore può controllare andando di persona ad intervistare, chiedere, controllare a casa tua.

2) “un certificato di carta non è reale finché non finisce in rete”
Può anche rimanere dove sta, ma basta che sia di pubblica consultazione. A meno che tu non abbia un museo, casa tua non è pubblicamente accessibile. Quindi il lettore non ha modo di verificare liberamente l’informazione. Oppure pubblichiamo il tuo indirizzo? Ore pasti va bene?

3) “come se fosse probabile che un’altra Gianna Nannini sia nata il 14 di giugno”
Infatti il Ministero delle Finanze ha addirittura aggiunto una lettera al Codice Fscale (l’ultima) per gestire gli omonimi nati lo tesso giorno nella stessa città…

4) “gli impiegati delle anagrafi … sono loro stessi a correggere le date”
Cosa?!?

5) “è molto più probabile che sia sbagliato l’anno del sito ufficiale”
Certo, e dall’alto della mia autorità io posso permettermi di dire che quanto dicono certi personaggi su SE STESSI è falso avendo in mano (pardon, a video) un certificato con la possibilità che sia stato falsifcato, alterato, confuso…

6) “ma sapete com’è, dev’essere il gap generazionale”
Chi l’ha scritto lo riteneva importante. Se non sei d’accordo, toglilo. Se qualcuno non sarà d’accordo, ne discuterete. Di questo ne avevamo già parlato. Eppure anzichè togliere una notizia inutile, superfua… l’hai lasciata per poter far notare questa cosa al mondo. Grazie.

Comment made on settembre 13th, 2010 at 19:05
Angelo Said:

Dici “Per questi ragazzi cresciuti a pane, nutella e mouse”…ma come puoi sapere che è così scrivendo davanti ad un monitor? Credi che una cosa come Wikipedia sia stata creata da ragazzini? Io non ci credo, sono certo che molti utenti siano giovani, è vero, ma non credo che la maggiorparte delle persone che lavorano su Wikipedia siano ragazzi cresciuti a pane nutella e mouse. Anzi, credo che molti siano proprio webmaster laureati. Con tutto il rispetto, ma mi pare abbastanza presuntuosa la tua affermazione…

Comment made on settembre 13th, 2010 at 20:59
admin Said:

Gentile Angelo,
cliccando sui vari nick in cui mi sono imbattuta ho verificato che appartenevano a ragazzi intorno ai 20 anni. Che sicuramente hanno molte competenze tecniche e informatiche, molte più di quante potrò mai averne io, ma che non hanno la mia competenza e la mia esperienza per quanto riguarda l’argomento specifico. L’impressione – e non solo mia – è che wikipedia ospiti un gran numero di ragazzi che forse non ha ben chiara la distinzione tra il reale e il virtuale. Lei mi chiede come posso sapere che è così scrivendo davanti a un monitor. Non lo so, è evidente, riporto un’impressione che ricevo dal tono usato, dalle peculiarità della lingua e dal livello delle argomentazioni, oltre a ciò che svelano i nick. D’altra parte, anche lei è dietro un monitor e non può sapere chi c’è da quest’altra parte, no? Anche qui, in armonics, ci sono dei webmaster laureati che sono ragazzi cresciuti a pane, nutella e mouse: lavoro con loro da anni, rispetto le loro competenze, ma loro rispettano le mie. E non si adombrano se li chiamo ragazzi.

Comment made on settembre 13th, 2010 at 22:20
admin Said:

Gentile DoppioM,
qualcuno dovrebbe averle spiegato che non è educato dire “non hai capito niente” soprattutto se la persona a cui si rivolge ha tre volte la sua età. Mi sembra comunque che molti di voi attribuiscano alle parole significati che variano a secondo di quello che conviene. Ho visto usato il termine (per altro bruttissimo) di enciclopedicità per una tale varietà di situazioni da farmi dubitare che la maggior parte di quelli che lo usano sappiano davvero che cosa vuol dire. Verificabile, in italiano, significa che può essere verificato. Un certificato di nascita è verificabile per definizione perché *chiunque* può rivolgersi all’anagrafe per ottenerlo. Molti fanno ricerche in biblioteca, in emeroteca – io stessa ne faccio. E poi? Quando una persona cita un libro o un giornale di carta gli chiedete di scansionarlo e di metterlo in rete? E perché i certificati di nascita che *chiunque* può verificare presso l’anagrafe interessata, devono invece essere messi in rete per essere attendibili? (Salvo poi insinuare che siano comunque dei falsi!). Strano modo di intendere la verificabilità, qualità applicabile a secondo dell’umore del momento, si direbbe. In Italia chiunque può chiedere il certificato di nascita di chiunque. I dati di nascita *non* sono dati sensibili protetti da privacy (lo sono, invece, maternità e paternità che solitamente sono omessi).
Certo che sono gli impiegati stessi a correggere i dati sbagliati. E per fortuna. Vede, mettiamo che io consulti Wikipedia alla voce Gianna Nannini. Trovo scritto che è nata a Siena il 14 giugno 1956. Scrivo all’anagrafe di Siena e chiedo l’estratto di nascita con l’ora di Gianna Nannini, nata il 14 giugno 1956. L’anagrafe di Siena mi risponde: “Signora, il 14 giugno 1956 non è nata nessuna Gianna Nannini. Se lei si riferisce alla cantante, guardi che qui risulta nata il 14 giugno 1954 alle 3 del mattino.”
Non era difficile arrivarci, mi perdoni.
Non ho tolto la storia delle corna di Viola Valentino perché non mi interessa entrare nel merito delle voci. Del resto quando mi sono permessa di correggere un apostrofo sbagliato (mi viene automatico, ho insegnato italiano per oltre 30 anni) è scoppiato quasi il finimondo: era solo un esempio per sottolineare come il significato delle parole cambi secondo la convenienza. E ci mancherebbe solo che mi mettessi a perdere tempo per discutere se sia opportuno o no dare notizia su Wikipedia delle relazioni extraconiugali di Riccardo Fogli!
Il *mondo* non ha certo bisogno che gli faccia notare io le innumerevoli notizie inutili o sbagliate di cui è costellata Wikipedia, se ne accorge benissimo da solo. Tranquillo, comunque, non verrò più a disturbarla. Non ho cancellato la mia registrazione soltanto perché non so come si fa.

Comment made on settembre 13th, 2010 at 23:03
PersOnLine Said:

Il problema non è solo quello della verificabilità, che sia o no a portata di click, ma anche dell’attendibilità. Lei potrà sostenere che non c’è niente di più attendibile di un estratto di nascita rilasciato dall’anagrafe comunale, io però posso dirle che non è questione di secondaria importanza neanche l’attendibilità del canale attraverso cui questa fonte arriva a Wikipedia. Non può essere considerato attendibile un documento scannerizzato e messo in rete da un privato senza credenziali accademiche o riconosciutegli da istituzioni; è chiedere un qualcosa che va decisamente oltre il concetto della semplice buona fede per sfociare nella richiesta di un atto di vera e propria fede cieca.

Comment made on settembre 13th, 2010 at 23:34
admin Said:

Gentile PersOnLine,
ebbene credo proprio di avere *credenziali accademiche riconosciute dalle istituzioni*, se è solo per questo. A parte ciò, non si capisce perché a chi cita come fonte un libro o un articolo letto in biblioteca non venga richiesto di dimostrare l’attendibilità del canale attraverso cui la fonte arriva a Wikipedia. Mi dite che chiunque può andare in biblioteca e consultare il libro citato? Allo stesso modo chiunque può andare all’ufficio anagrafe e consultare l’estratto di nascita citato. Ho avuto modo di scambiare opinioni con molte altre persone che si sono accostate a Wikipedia per i più svariati motivi ricevendone un pessimo trattamento e una pessima impressione. Forse tutto ciò dovrebbe farvi riflettere.

Comment made on settembre 14th, 2010 at 01:26
Marcello.Phoenix Said:

Non ricordo se lo già segnalato ma anche per
Peter Van Wood – astrologo (………..)
Su Wikimedia Italia = Peter Van Wood Sarebbe nato a L’Aia, 19 settembre 1927 – quando invece è nato il 9/9/1922 (me lo disse di persona diversi anni fà per telefono … )… 23.45……..

Comment made on settembre 14th, 2010 at 14:38
RaMatteo Said:

Della storia della Nannini sfugge però un particolare: il who’s who italy da lei citato riporta il 1956 come data di nascita. A questo punto cosa è più attendibile? Una fonte definita anche da lei autorevole oppure un documento scannerizzato con tutti i dubbi che si porta dietro?

Comment made on settembre 14th, 2010 at 14:42
admin Said:

Sì, lo sanno tutti che era nato nel 22. Tranne Wikipedia, naturalmente :-) ))

Comment made on settembre 14th, 2010 at 15:13
DoppioM Said:

Il “non hai capito nulla” è dato dal fatto che dopo aver messo tutto l’impegno e la pazienza possibile per spiegarti (o spiegaLe, visto che qui ci diamo del Lei) come stavano le cose, leggo qui e mi sembra di essere tornato indietro di una settimana.

Mi sono già scusato per i toni altrove (ha letto? O forse è meglio tenere separati i due modi per poter ignorare alcune cose?) e mi scuso di nuovo. Spero voglia comprendere i motivi della mia “frustrazione” (per modo di dire).

Leggo questo articolo e lo trovo un’autentica presa in giro contro Wikipedia e i suoi sistemi. Che non saranno infallibili, certo, non saranno perfetti, ma Le posso assicurare essere creati per filtrare tanti tentativi di falsificazione che nemmeno immagina. Se è interessata potrei citarle alcuni esempi, ma non è questo di cui stiamo parlando. Questo articolo mi pare scritto da qualcuno che NON ha discusso con me per queste settimane. Questo articolo mi pare digiuno di tutte le informazioni che ho cercato di dare. Ma vabbè, sono solo impressioni.

“Non ho tolto la storia delle corna di Viola Valentino perché non mi interessa entrare nel merito delle voci.”

Io la voce su Viola Valentino non l’ho mai letta. E come me credo la maggior parte degli utenti. Ma se tutti quelli che la leggono si limitano a scandalizzarsi per le inutilità ivi riportate… e non fanno nulla… le inutilità lì rimangono.

“Il *mondo* non ha certo bisogno che gli faccia notare io le innumerevoli notizie inutili o sbagliate di cui è costellata Wikipedia”

Eppure Wikipedia è nata per questo: essere corretta e migliorata dagli altri. Ovviamente secondo certe regole che, per garantire l’efficacia del processo, devono essere molto rigide in alcuni casi (Lei stessa dice di non aver avuto problemi con molte modifche, no?)

“Non ho cancellato la mia registrazione soltanto perché non so come si fa.”

Non si può, purtroppo. Per qestioni di copyright sui contributi rilasciati. Basta smettere di usare l’utenza.

P.s: spero che Lei stia seguendo la discussione che Le avevo linkato. Noterà come le idee siano contrapposte e spero capisca le perplessità di alcuni utenti. Spero anche comprenda il lavoro e l’impegno con cui cerchiamo di risolvere il problema.

Comment made on settembre 14th, 2010 at 15:13
admin Said:

Gentile RaMatteo,
soltanto l’altro giorno ho scoperto che il Who’s Who è on line. La mia copia cartacea non ha la voce Nannini, altrimenti l’avrei già segnalata per la correzione alla redazione con la quale ho collaborato in passato. Tranquillo, li ho già informati, certa che il suggerimento verà accolto con maggior garbo e considerazione. Ho già detto che rinuncio a qualsiasi contatto con voi ragazzi di Wikipedia, vi lascio tutti i vostri svarioni e le discussioni di lana caprina che tanto vi piacciono. Devo lavorare, io, non giocare.

Comment made on settembre 14th, 2010 at 15:20
admin Said:

Gentile DoppioM,
apprezzo il suo impegno, lodevole, e il tempo che perde. E la ringrazio perché comunque ho imparato cose che non sapevo. Lo spazio che curo qui su armonics è uno spazio giornalistico e l’articolo poteva passare solo con un taglio ironico, altrimenti non avrebbe avuto ragion d’essere. Sono stata anche fin troppo buona: dovrebbe vedere, quando mi metto per davvero a prendere in giro un sistema o una teoria: ho la lingua biforcuta!
Sì, ho guardato le discussioni, ho risposto brevemente per una precisazione sulla *scadenza* dei documenti (ma qualcuno si informa o almeno pensa prima di parlare?) ma, a parte alcune osservazioni di buon senso di tal Luca, il resto sono un cumulo di… (oddio, non trovo un eufemismo!), diciamo di esternazioni a ruota libera che persino il mio nipotino di 11 anni troverebbe ridicole.
Capisco che lei ci tiene al miglioramento di Wikipedia. Le fa onore. Ma se ogni volta che qualcuno si avvicina per dare una mano viene trattato con – mi consenta – supponenza e sommerso da ogni genere di insinuazioni e obiezioni, ebbene, scappa la voglia. Forse dovreste rifletterci sopra. Come ho detto al precedente interlocutore, io qui lavoro. La mia vita, il mio lavoro non cambiano di un millimetro sia che wikipedia accetti la mia competenza in materia sia che non l’accetti.
Sarà anche vero che siete infestati da ragazzini in esubero ormonale che non trovano niente di meglio che pasticciare tra le voci, non lo metto in dubbio, ma qualcuno tra voi dovrebbe anche essere in grado di distinguere o di controllare… Nessuno ha mai risposto a questa semplice domanda: che interesse avrei *io* nel venirvi a dire che la Nannini è nata nel ’54 e non nel ’56? Me ne viene in tasca qualche cosa? Ci guadagno in fama imperitura e pubblici onori? Evidentemente no. Come già detto, sono troppo vecchia (purtroppo) per questi giochini.

Comment made on settembre 14th, 2010 at 15:51
DoppioM Said:

“l’articolo poteva passare solo con un taglio ironico”

Ha ragione: forse sono troppo abituato al taglio cronachistico, scientifico o enciclopedico.

“Come già detto, sono troppo vecchia (purtroppo) per questi giochini.”

Abbiamo avuto vandali, troll, copyvioler, “bufalari”, promoter di teorie assurde… ben più grandi e vecchi di Lei. E nemmeno loro, apparentemente, ci guadagnavano qualcosa. Eppure di bufale ne abbiamo trovate eccome. E sicuramente qualcuna c’è pure scappata.

P.s: per la cronaca, personalmente sarei anche d’accordo alla faccenda. C’è solo da far aderire la procedura alle linee guida, visto che è molto “insolita”.

Comment made on settembre 14th, 2010 at 18:16
RaMatteo Said:

Ragazzi, ahimè, una volta visto che gli anta son già passati… Però è interessante tutta questa gente che per svariati motivi (?) trucca la data di nascita

Comment made on settembre 14th, 2010 at 18:22
admin Said:

Gentile RaMatteo,
il fenomeno del trucco della data di nascita è sempre esistito. Ci sono persone vanitose che vogliono apparire più giovani, ci sono persone che non accettano il passare del tempo. Il fenomeno è molto accentuato nel mondo dello spettacolo per ovvi motivi: lì trionfa l’apparire, per avere successo bisogna almeno sembrare giovani e belli. Guardi lo scempio di sé che ha fatto per esempio Simona Ventura… comunque questa è la mia opinione, per carità, e poi non c’entra. Ora pensi la difficoltà che incontrano quelli come me che per passione (e lavoro) cercano, raccolgono, archiviano dati di nascita per fini giornalistici o statistici. Se si tratta di personaggi storici è più facile, ci sono le biografie, le autobiografie, e così via. Per i personaggi attuali ci sono le biografie, le interviste, le dichiarazioni spontanee, ma soprattutto ci sono le anagrafi. Ma per avere una risposta dall’anagrafe bisogna indicare il nome e la data di nascita della persona. Se io indico un anno sbagliato perché ricavo le mie informazioni dai giornali, rischio molto spesso di sentirmi rispondere: non risulta e resto con un palmo di naso. Ora, anche le anagrafi si sono in gran parte informatizzate perciò inserendo nome, cognome, data, anche se l’anno è sbagliato la persona viene comunque identificata. A meno che non cambi il decennio, perché allora non si trova (non mi chieda perché, così m’han detto una volta). Poi a volte ci sono gli pseudonimi (e vai a rintracciare il nome giusto!) e gli impiegati pigri che danno un’occhiata superficiale o nessuna occhiata e mi rispondono “non c’è” solo perché non hanno voglia di alzarsi dalla sedia. Non la faccio lunga, ma mi creda sulla parola, raccogliere dati di nascita è un lavoraccio. Infatti siamo in pochi, in tutto il mondo, ma tutti molto solidali gli uni con gli altri perché sappiamo che fatica ci costa. E chi utilizza i nostri archivi ci è sempre molto grato.

Comment made on settembre 14th, 2010 at 18:43
admin Said:

Gentile DoppioM,
su questo ha ragione, di gente fuori di testa ce n’è dappertutto e di tutte le età. Non le dico tra chi si occupa di astrologia, poi…:-)
Ma sa com’è, ognuno parte dal proprio vissuto. A me continua a risultare inspiegabile come qualcuno possa trovare divertente pasticciare una voce: io sono una che inorridisce se in biblioteca trova un libro sottolineato! Quando insegnavo ho sempre proibito ai ragazzi di scrivere sui libri, anche se previsto dall’editore: facevo copiare sempre tutto sul quaderno per lasciare i libri intonsi. Ops, questo non c’entra…

Comment made on settembre 14th, 2010 at 18:50
Mikispag Said:

Buongiorno,
mi permetto di lasciare due righe anche qui.

Come, appunto, ventenne studente di Ingegneria e utente di Wikipedia da alcuni anni, mi sono permesso di modificare la pagina “Gianna Nannini” correggendo l’anno di nascita (1956->1954) utilizzando lo standard di Wiki per evidenziare le fonti (le note, ). Usare questa comoda funzione e mantenere un tono calmo e disteso aiuta a migliorare Wikipedia, costruendola voce per voce. Inoltre fa pensare due volte un utente prima di effettuare un “rollback”, cioè un annullamento totale delle modifiche effettuate in precedenza (operazione, ahimé, comunissima, ma che fa sempre “rimaner male” chi in buona fede voleva solo rendere un servizio alla comunità, pur senza citare le sue fonti).

È importante considerare che Wiki è costruita da TUTTI e un quindicenne può modificare una voce esattamente come un professore con un paio di Ph. D. E proprio questo è il bello del Web: è intrinsecamente democratico, e ogni persona, a prescindere da ciò che rappresenta nella società, deve “guadagnarsi” da zero, ogni volta, la fiducia della comunità. Ciò, a volte, fa “traballare” alcuni “mostri sacri”, che, denudati dei loro titoli, si scoprono indifesi e vulnerabili in un mondo apparentemente anarchico. Mi rendo conto che le procedure e i regolamenti possano sembrare ad una persona non addetta ai lavori un po’ rigidi, a volte anche ingiusti, ma è importante capire che sono lì proprio per tutelare la comunità da vandalismi e errori (del quindicenne come del professore), più frequenti nella Wiki italiana che in quella inglese.

A quanto ho capito, la contestazione nasce dal momento che il sito ufficiale e IMDB (utilizzato come “fonte ufficiale” da Wiki negli anni per i personaggi dello spettacolo) riportano un anno di nascita, il 1956, a quanto pare errato.
Consultando le pagine guida “Verificabilità” e “Attendibilità” delle fonti, sono giunto alla personale conclusione che un estratto di nascita rilasciato da un Comune sia di pubblica consultazione, quindi attendibile. Come qualcuno ha fatto notare, il caso dell’omonimia non è da escludere, ma le probabilità sono piuttosto basse e in Wiki, per REGOLAMENTO, si deve “presumere la buona fede”. Quindi ho modificato la pagina e mi impegnerò a verificare periodicamente che le modifiche non vengano annullate senza una buona motivazione.

Wikipedia non è obbligatoria, se non vuole collaborare può scegliere di non farlo; personalmente rimango sempre un po’ “deluso” quando un nuovo utente si scontra con la comunità per motivi tanto futili :) , perché è un’occasione persa da tutti: Wiki è di Tutti per Tutti.

Infine, vorrei aggiungere una considerazione di carattere legale. Gli estratti di nascita, così come ogni documento rilasciato da un Comune, sono sì di PUBBLICA CONSULTAZIONE, ma NON di PUBBLICO DOMINIO. Pubblicare scansioni ad alta risoluzione su un sito personale *potrebbe* violare dei diritti, in quanto il documento rimane proprietà dell’Ente che lo rilascia. Ma questo esula dalla questione e, anzi, poiché lei lo fa per lavoro, potrebbe avere informazioni più accurate in merito.

Michele

Comment made on settembre 14th, 2010 at 19:03
admin Said:

Gentile Michele,
se effettivamente lei è uno studente ventenne, complimenti. Chiarezza espositiva ed eccellente proprietà di linguaggio da lei sfoggiate sono davvero rare tra i suoi coetanei.
La ringrazio per il suo parere sull’attendibilità dei certificati di nascita: che un documento rilasciato da un comune – e che chiunque può richiedere – sia attendibile mi sembrava talmente ovvio e scontato da non capacitarmi per la resistenza incontrata e per le obiezioni (spesso sciocche) che mi davano piuttosto l’idea di un ambiente arroccato e ben deciso a non far passare gli estranei.
Mi fa piacere che la cosa sia chiarita.
In quanto alla pubblicabilità dei certificati stessi, in realtà, non ho informazioni sicure: negli anni ne ho visti molti pubblicati su riviste e quotidiani, l’anno scorso Barack Obama mise il suo on line per tacitare la voce che non fosse nato negli Usa, presumo che si possa fare, ma siccome presumere non è sapere, ho provveduto a togliere quelli pubblicati sul blog, a tutela della società per cui lavoro.
Vuol dire che in futuro, nel tempo libero, proverò a correggere quelle date sbagliate che mi saltassero all’occhio. Spero che la mia firma possa in qualche modo essere una garanzia. Le mie competenze informatiche sono modeste – per esempio, non ho idea di come si faccia una nota – finora mi ero limitata a segnalare nell’area discussione della voce che la mia fonte era il certificato di nascita.
In quanto alla questione dell’omonimia è un pericolo più teorico che pratico, anche se può capitare. Tuttavia, trattandosi di personaggi pubblici, ritengo che la cosa finirebbe con l’essere risaputa, considerato che di solito vieniamo informati anche della marca dei loro slip prediletti.
GraZia

Comment made on settembre 14th, 2010 at 21:12
 

Leave a Comment

Gentilmente scrivi le lettere di questa immagine captcha nella casella di input

Please type the characters of this captcha image in the input box